Monthly Archives:

luglio 2015

Etniche/ Primi/ Ricette vegetariane

A passi lenti sotto la pioggia

IMG_3196Il tempo è cambiato e, nonostante ci si stia affacciando appena al mese di agosto, in queste giornate di pioggia e di estrema variabilità sento già un pizzico di autunno incombente e con un po’ di tristezza mi rendo conto di essermi giocata giugno, il mese più bello, alle prese con i libri scolastici, e di essermi bruciata una parte di luglio, mese stupendo, a causa dell’eccessivo calore che mi ha tolto ogni briciola di energia.

Tra un mese sarò già lontana, finalmente a godermi le vacanze e al cui ritorno non potrò più nuotare nel mio mare: ecco l’aspetto che più mi deprime, non tanto la mancanza dell’estate in sé quanto quella dell’acqua salata, del profumo di alghe, del riemergere tra gli scogli evitando le cozze e gli anemoni, dell’aroma nel naso perché è vero che il mare profuma di estate e libertà.

Allora mi affaccio al panorama strano di questa giornata, sotto un cielo plumbeo in cui le nuvole scure rotolano incessantemente, sferzate da un vento insistente e gelido, e passeggio lentamente nonostante le goccioline di pioggia quasi autunnale, a passi lenti per arrivare all’autunno più tardi possibile perché l’estate voglio che duri ancora un po’, perché ho ancora bisogno di annusare il mare, perché un mese scarso voglio farlo durare almeno sessanta giorni.

Ho voglia di un comfort food che però non risulti autunnale, un qualcosa che mi coccoli più di una insalata estiva senza però farmi sentire pronta per l’inverno perché non lo sono affatto, un qualcosa che possa coniugare le verdure di cui sono ghiotta con il tocco esotico degli altri ingredienti usati, che sia di velocissima preparazione perché ho ancora tanta vita da godere e mi serve molto tempo libero, che sia leggero e che mi faccia sentire già un po’ in vacanza.

Ecco i miei noodles di riso semplici semplici ma pieni di sapore 🙂

IMG_3197

Ingredienti:

noodles di riso (le boccucce di casa mia richiedono 100 g. a testa)

zucchine (da qui in poi le quantità sono a gusto personale)

carote

aglio (uno spicchio)

zenzero (circa 1 cm)

buccia di lime (parte esterna)

erba cipollina

olio di sesamo

salsa d’ostrica (un cucchiaio)

Procedimento:

Far saltare in padella l’aglio tritato con lo zenzero in poco olio di sesamo e successivamente aggiungere le zucchine  e le carote a striscioline (le mie sono state tritate perché erano piccolissime e bitorzolute) facendole saltare appena il tempo di avere un minimo di cottura senza però che perdano la croccantezza; aggiungere da ultimo un po’ di buccia di lime tritata grossolanamente e una piccola quantità di salsa d’ostrica.

Lasciar rinvenire i noodles di riso nell’acqua calda non salata appena il tempo indicato sulla confezione, scolarli delicatamente e aggiungerli alle verdure, mescolando il minimo indispensabile per non scuocerli e rovinarli: impiattare con qualche filo di erba cipollina sminuzzata ad insaporire il tutto.

IMG_3194

IMG_3195

IMG_3193

IMG_3192

IMG_3190

IMG_3191

Dolci e desserts/ Light

Sogni che rotolano nel profumo di rosa

IMG_3187

Sono ritornata a poter vivere appieno i miei momenti, a sapere che ci sono finalmente anch’io, mi sono riappropriata dei miei spazi in un modo che nemmeno conoscevo più: la scuola è finita, un anno da incubo, mio figlio finalmente si prepara per le superiori, è rifiorito ed ha acquistato la propria autonomia, è circondato da pochi amici fidati e quando rincaso non so se lui sta da qualche compagno o se mi ritrovo la casa invasa da adolescenti. Non è un problema, sono bravi ragazzi e l’importante è lasciare sempre qualcosa di fresco e commestibile nel frigorifero, per il resto si arrangiano da soli, sono responsabili e se si discostano dalla routine quotidiana mi tempestano di messaggini!

Trascorro le mie bellissime giornate coccolando la casa che tanto amo, guardando il marito con occhi diversi, stiracchiandomi in riva al mare come una lucertola al sole, nuotando come se non ci fosse un domani mentre i pesci mi guizzano intorno e mi fanno sorridere, leggendo romanzi uno dietro l’altro e assaporandone le pagine rilassanti che narrano di luoghi lontani, di profumi esotici e di sapori delicati, dolcissimi ed intensi.

Rincaso nel tardo pomeriggio con la pelle calda che ancora profuma di sale, mi stendo sul balcone in compagnia delle cagnoline e delle piante di basilico godendo della fresca brezza del bosco… sono pause meritate dopo un inverno lungo, logorante, faticoso come non mai, denso di preoccupazioni e con i nervi tesi come le corde di un violino… ecco i miei momenti di pace che mi fanno godere il presente e che, ancora una volta, mi confermano che vivere è la cosa più bella!

IMG_3182

Ingredienti:

savoiardi q.b. per la base

300 g. di ricotta

estratto di rosa a piacere

acqua di rose a piacere

pistacchi di Bronte (una manciata)

farina di pistacchi di Bronte (2 o 3 cucchiaini da the)

rosolio q.b. per la bagna

Procedimento:

Spezzettare i savoiardi in maniera tale da ricoprire il fondo dei bicchieri, versarvi del rosolio e, nel mentre i biscotti si ammorbidiscono, mescolare la ricotta con un po’ di acqua di rose e dell’essenza, sino ad ottenere una crema morbida.

Stendere la crema di ricotta sulla base di savoiardi inzuppati e poi spolverizzare con la farina di pistacchio, alternando un paio di volte biscotti e crema, ultimando la preparazione con una spolverata di farina di pistacchio e con qualche pistacchio intero.

L’idea iniziale era quella di preparare una crema di ricotta ricca di uova e zucchero, ma viste le temperature elevate e la voglia di leggerezza ho provato questa versione più semplice e profumata 🙂 E’ un dessert da servire fresco ed è delicatissimo….

 

IMG_3188

IMG_3185

IMG_3173

 

IMG_3182

IMG_3175

 

CONSIGLIA Torta di mais

Send this to a friend