Monthly Archives:

marzo 2013

Dolci e desserts

Ed ecco la versione al latte!

2013-03-26 13.30.53

Visto che vi sono piaciuti i cioccolatini fondenti preparati ieri, vi posto anche le foto della versione al latte perchè sono venuti nutellosamente morbidissimi: gli ingredienti sono stati sciolti a bagnomaria anche in questo caso, e senza procedere al temperaggio del cioccolato, ma il risultato è questo…lucidissimi!!!

2013-03-26 13.32.47

Riepilogo degli ingredienti:

cioccolato al latte di ottima qualità q.b.

burro di cacao Venchi q.b.

2013-03-26 13.31.47

Dolci e desserts

Primavera di gelo… e io preparo i cioccolatini!

photo

Oggi ho lavorato solo mezza giornata, l’altra metà l’ho occupata nel tentativo di portare in salvo lo scooter e non rischiare di doverlo lasciare nel mezzo della strada sotto il gelo polare… tempo qualche ora e l’ho trovato con i ghiaccioli sulla carrozzeria, il bauletto con le stalattiti e il parabrezza inservibile ed oscurato da una coltre di ghiaccio spessissimo; ce l’ho fatta a rientrare a casa a passo d’uomo, senza mai frenare e sbirciando al di là del parabrezza e appena rientrata in casa sono stata immediatamente ispirata da un bel lavoretto invernale, confortante e profumato… preparare dei cioccolatini!

Da tempo avevo un bellissimo stampo in silicone, sinora utilizzato solo per la preparazione dei gessetti profumati, e anche dell’ottimo burro di cacao Venchi, frutto di una collaborazione con il precedente blog e… beh, ho provato, così… senza ricetta e solo ad intuito!

2013-03-25 16.49.47

Ho fatto fondere, a bagnomaria, del burro di cacao con del cioccolato amaro in polvere e un po’ di zucchero, il tutto ad occhio (e assaggio, confesso!) e aiutandomi con un goccio di latte, non c’è voluto poi tanto tempo ed è stato semplicissimo; certamente non è stato un lavoro da maître chocolatier, ben lontana da quello che sicuramente è la procedura corretta del cioccolato temperato,  ma ho ottenuto un risultato soddisfacente: metà sono stati farciti con del riso soffiato al cioccolato, quello che mio figlio mangia a colazione, mentre gli altri sono stati lasciati al naturale.

Ho aiutato la solidificazione ponendo lo stampino nel frigorifero, nonostante abbia letto che l’ideale è il freezer… però non avevo nemmeno mezzo cassetto libero e di certo non scendevo in garage (dove ho il surgelatore grande) con questa bufera! Vabbè, c’è voluto un po’ di più, ma non avevo fretta…

2013-03-25 16.51.02

E’ stato un primo esperimento, ma penso ne possano uscire un sacco di cose carine, quel che è certo è che non acquisterò più cioccolatini pronti: mi ci vedo mentre preparo cupcakes, cioccolatini di svariati tipi, dolcetti al miele e all’acqua di rose… rilassata a godermi queste piccole meraviglie… per me è la perfetta allegoria della serenità!

Riepilogo degli ingredienti:

cacao amaro in polvere q.b.

burro di cacao q.b.

un pizzico di zucchero

un goccio di latte

2013-03-25 16.50.37

Uncategorized

Condivido e mando avanti questo appello, con il cuore, nella speranza che questo batuffolino possa trovare l’amore di una famiglia: lui ci spera davvero tanto e non fosse perchè la mia “iena” Bubu è gelosissima lo prenderei subito, ma la pelosa gli renderebbe la vita un inferno.
Posso solo condividere e sperare….

Un po' del mio mondo

Alle donne che reggono il mondo!

2013-03-08 15.37.31

Mio marito mi fa sentire ogni giorno una regina…

Belle signore che passate quotidianamente a trovarmi… questo è un profumato dono virtuale a tutte voi!

Io sono una persona che abitualmente rifugge da tutte quelle che sono le feste “comuni”, commerciali, private spesso del loro significato più profondo e, come tale, ho detestato sempre anche l’8 marzo: innanzitutto perchè oggi anno lo trascorro con la febbre (e già il fatto che quest’anno me la sia cavata nonostante marito e figlio febbricitanti è un sicuro successo) e perchè spesso vedo gruppi di donne che festeggiano tale ricorrenza nella maniera peggiore, cioè uscendo in gruppo per comportarsi da “uomini” nel senso dispregiativo del termine…talora mi sono trovata coinvolta in delle volgarità che me l’hanno fatta odiare per lungo tempo…

Però mai come oggi mi rendo conto che la nostra capacità di reinventarci la vita sta mandando avanti una società allo sfascio, che l’economia ancora regge grazie a noi che ogni giorno sappiamo rimetterci in gioco: forza belle donne che ce la facciamo a migliorarlo un po’ questo mondo che per troppo tempo è stato rovinato da certi maschi che ancora non hanno capito che essere maschi non significa essere uomini.

Gli uomini più intelligenti ed affascinanti che ho conosciuto sono proprio coloro i quali mi hanno detto: “Riconosco la superiorità femminile e mi inchino perchè da voi imparo ogni giorno a vivere”.  Siete dei grandi, parola di donna!

Siamo così dolcemente complicate

sempre più emozionate, delicate, ma potrai trovarci ancora qui

nelle sere tempestose portaci delle rose,

nuove cose e ti diremo ancora un altro sì

è difficile spiegare certe giornate amare

lascia stare, ci potrai trovare qui

con le nostre notti bianche, ma non saremo stanche

neanche quando ti diremo un altro sì.

“Quello che le donne non dicono” – Fiorella Mannoia

Conserve/ Dolci e desserts

Mousse speziata con gli scarti di mela

2013-03-07 18.19.39

Ricordate il succo di frutta alla mela di qualche tempo fa? Vi dissi di non buttare le bucce e i torsoli e che vi avrei spiegato il perchè di ciò… spero vivamente li abbiate surgelati perchè in effetti ci ho messo un po’ di tempo… 🙂

L’operazione è semplicissima: ponete in una pentola gli scarti delle mele, con l’unica eccezione dei semini (proviamo ad interrarli?) e dei piccioli (chi fa il compost li può riutilizzare…eh, qui non si butta proprio nulla!), aggiungete dello zucchero di canna, della cannella in polvere, un po’ di zenzero in polvere e un pizzico di chiodi garofano in polvere, spruzzate il succo di un limone e cuocete a fiamma vivace per 2 o 3 minuti, una frullatina di minipimer e la mousse è pronta!

Io la porto al lavoro, chiusa in un barattolo di marmellata, per merenda… è deliziosa anche fredda!

Sappiate però che ho provato a congelare il vasetto già pronto e anche a fare il sottovuoto, come per le marmellate, e il risultato non mi ha delusa, quindi con poco si possono avere delle merende sempre pronte, sane e gustose.

2013-03-07 18.18.102013-03-07 18.19.13

Riepilogo degli ingredienti:

scarti di mela (bucce e torsoli privati dei semini)

zucchero di canna

cannella, zenzero e chiodi garofano (tutti in polvere)

succo di limone

E’ da un po’ che non ci ascoltiamo un po’ di musica… ci state? E’ un brano che a me trasmette sempre una passione immensa….

[youtube=http://youtu.be/NnEmE8qanG8]

Pizze e pane

La felicità di una focaccia in padella!

I fiori regalati dal maritino

I fiori regalati dal maritino

Oggi sono felice: è un dato di fatto inconfutabile!

Perchè ieri sono riuscita a spuntare la mia battaglia contro il mistero del RID fantasma e mi è stato restituito il maltolto (e già farcela contro un grosso istituto bancario non è cosa da poco…), perchè mio figlio si è deciso finalmente a studiare, sebbene con la motivazione che se si fa bocciare l’anno prossimo non sarà in seconda media e quindi perderà la settimana bianca, perchè la mia amica più cara, la mia laotong,si è presentata sotto casa mia all’improvviso con un tardivo regalo di compleanno, ma gradito da morire perchè per me è LEI il mio regalo, poterci parlare fitto fitto, farci le nostre consuete risate, vederla sbellicarsi dalle risate quando le ho detto che a Carnevale siamo partiti per Firenze con 5 euro in tasca (io) e 1 euro (mio marito)…eh sì, perchè il pezzo economicamente forte della famiglia sono io! Perchè lei quando sta con me non si prende molto sul serio e si sganascia appena mi vede (e ciò la dice lunga su di me…), anche se poi mi dice che se riesco a spuntarla anche contro una banca avrei dovuto fare l’avvocato e non lavorare per una pubblica amministrazione che mi massacra per pochi euro… e se mi dice questo significa che, al di là dell’ilarità che le provoca lo stare con me, evidentemente riesco anche ad infonderle un po’ di fiducia professionale!

Ma anche le amiche mi vogliono bene...

Ma anche le amiche mi vogliono bene…

Cassettina di giacinti in perfetto stile shabby...

Cassettina di giacinti in perfetto stile shabby…

... che adoro!!!

… che adoro!!!

La contemporaneità di questi tre fattori nel corso di un’unica giornata mi ha fatta sorridere, dopo giorni che litigo con tutti perchè appena ti giri cercano di fregarti, e da ieri tutto sta andando meglio, molti nodi si stanno sciogliendo da soli… che sia la volta buona? Non lo so, ma io intanto mi godo il momento e, colta da un impeto di coraggio, ho provato finalmente ad accontentare mio figlio che da tempo chiede a gran voce una pizza pur sapendo che non ho ancora provveduto alla riparazione del forno… ma quando un bimbo studia va premiato, no? E allora via con questa focaccia che mi ha risolto la cena con poco!

Invitante vero?

Invitante vero?

Già al primo taglio profumava tutta la cucina!

Già al primo taglio profumava tutta la cucina!

Ho preparato un impasto con 400 gr. di farina, una bustina di lievito di birra liofilizzato, un cucchiaino di sale, uno di zucchero, un po’ di olio evo e acqua q.b., ho lasciato un po’ a lievitare, in una scodella coperta da un canovaccio, in un angolino caldo della cucina e poi mi sono limitata a tirare due dischi di impasto: il primo l’ho adagiato sul fondo di una padella antiaderente un po’ oleata, poi ho steso un po’ di salsa, una bella manciata di origano e delle sottilette (ossia quanto c’era in casa), alla fine ho richiuso il tutto con il secondo disco di pasta, cuocendo circa 15-20 minuti per parte, coperto e a fuoco bassissimo.

Confesso il terrore altalenante tra la remota possibilità che l’impasto rimanesse crudo al centro e l’elevato rischio di bruciare il tutto… e invece… il miracolo!!! Non aggiungo altro… vedetevi le fotografie e tenete da conto la ricetta per la prossima estate, quando schiatterete dal caldo e non ne vorrete sapere di accendere il forno perchè si tratta di una soluzione ottima e da riproporre con le farciture più fantasiose!

Riepilogo degli ingredienti (serve?):

400 gr. di farina

sale, zucchero, olio evo e acqua q.b.

salsa di pomodoro (1 vasetto di polpa)

origano

sottilette a piacere

CONSIGLIA Foresta di alberi innevati

Send this to a friend